L'angolo del relax
Il dito
di Renzo
Siamo negli anni '70.
Nel primo pomeriggio partiva un'automotrice che faceva Bolzano - Venezia via Valsugana.
Data la partenza, l'automotrice (tipo Aln 556) si avvia e una donna cerca egualmente di salire mettendosi sul predellino, che allora era sporgente, senza però riuscire a salire dato che la porta si apriva in fuori. Il ferroviere Ulisse si butta, abbraccia la donna e la tira giù dal treno cadendo con lei sul marciapiede. L'automotrice nel frattempo se ne va perchè il macchinista si era già tirato dentro e non si era accorto di nulla.
Ulisse si alza gridando come un pazzo: "Il dito, il dito!" e comincia a cercare a terra e sui binari.
Era successo che, nello sforzo di staccare la donna che non voleva mollare la presa, il braccio di Ulisse ha sfregato sulla parete dell'automotrice andando a colpire il cartello indicatore della destinazione. La fede, posta all'anulare sinistro si era infilata in uno dei ganci di sostegno del cartello staccandogli il dito. Il dito non si trovava e Ulisse finì all'ospedale senza dito. Quando l'automotrice è arrivata a Trento, sono andati a vedere e il dito, con l'anello e tutto, era ancora incastrato fra cartello e gancio.
Portato subito a Bolzano da una volante della Polizia, è stato riattaccato con successo.
909

Segnala ad un amico
Nome mittente
Email mittente (*)
Nome destinatario
Email destinatario(*)
Messaggio (max 250 car.)
Inviami una copia

I campi contrassegnati con asterisco sono obbligatori

I dati inseriti sono usati per il solo trattamento di invio
della mail e saranno conservati nei database a solo scopo
di monitoraggio e prevenzione degli abusi.

Renzo
Indietro Torna al portale	Inizio

© 2004,2019 T-I-M-O-N-E.IT - Tutti i diritti riservati. 
© 2008,2019 Ricordi di Rotaie - Tutti i diritti riservati.