L'angolo del relax
Pendolari innaffiati
di Marco Cacozza
Il 24 ottobre 2009 un centinaio di pendolari presenti nella stazione di Torino Porta Susa si è trovato a dover cercare riparo da un'inattesa doccia, provocata, a quanto pare, dall'attivazione dei sistemi antincendio a seguito del transito di un convoglio della linea Torino-Aosta.

L'Associazione Utenti Ferrovia Chivasso-Ivrea-Aosta ha emesso un comunicato dal titolo emblematico, "L'avevamo detto!", che qui di seguito riportiamo.

Sono anni che, in comunicati stampa e in incontri con assessori regionali del Piemonte e della Valle d'Aosta, assessori provinciali, eccetera, sosteniamo che, in previsione dell'apertura della stazione sotterranea di Porta Susa, bisognava prendere provvedimenti per tempo per evitare il transito dei materiali a trazione diesel della linea Aosta-Torino.
foto
Nuovo servizio per i pendolari: la doccia!
Foto Marco Cacozza - 26 ottobre 2009

Non ci hanno ascoltato e hanno sostenuto che non ci sarebbe stato alcun problema.
Ed invece ecco che sabato 24 ottobre, alle 9 del mattino, i fumi di uno dei 24 treni diesel della Aosta-Torino che giornalmente transitano da Porta Susa fanno scattare il sistema antincendio e i passeggeri vengono investiti da una doccia fredda.
Evidentemente i passeggeri in attesa sulle banchine di Porta Susa quando fermano i puzzolenti motori diesel sono troppo abituati a soffrire per sollevare il problema, e così ci hanno pensato i nasi elettronici dei sensori.
La soluzione prospettata da RFI di "ritarare" i sensori è veramente risibile!
E i polmoni dei passeggeri chi li ritara?
RFI dovrebbe rispondere ad una semplice domanda: esiste al mondo un'altra stazione sotterranea nella quale fanno fermata dei treni a trazione diesel?

---------
Nota del Webmaster
E su... diamolo un "aiutino" a RFI: la stazione di Matera delle FAL.
Ma forse li, non avendo trazione elettrica, si sono dovuti attrezzare da subito con dei potenti aspiratori!
1077

Segnala ad un amico
Nome mittente
Email mittente (*)
Nome destinatario
Email destinatario(*)
Messaggio (max 250 car.)
Inviami una copia

I campi contrassegnati con asterisco sono obbligatori

I dati inseriti sono usati per il solo trattamento di invio
della mail e saranno conservati nei database a solo scopo
di monitoraggio e prevenzione degli abusi.

Marco Cacozza
Indietro Torna al portale	Inizio

© 2004,2019 T-I-M-O-N-E.IT - Tutti i diritti riservati. 
© 2008,2019 Ricordi di Rotaie - Tutti i diritti riservati.