Gli articoli dei collaboratori
Articoli - 26/10/2019
FERROVIE PORTUALI ED AEROPORTUALI
di Ennio Morando
L'attuale, evidente disimpegno da parte delle ferrovie italiane da quelli che vengono considerati servizi marginali e poco remunerativi appaiono null'altro che la continuazione di tagli oramai storici e della cosiddetta politica dei "rami secchi" attuata a partire dal secondo dopoguerra. Su tale linea si sono innestate le decisioni di sopprimere a suo tempo, come anche recentemente, la quasi totalità degli scali marittimi ed un mancato intervento con maggiore convinzione, questo in tempi correnti, nello sviluppo dei collegamenti aeroportuali, ciò anche per rispettare le stringenti esigenze di bilancio, per altro abbastanza attuali, dal governo. Da tali considerazioni, in particolare l'ultima, non si capisce la ragione logica per la quale, ad esempio, in Germania, in Gran Bretagna, in Francia si costruisca, esagero ma fino ad un certo punto, prima dell'aeroporto, la linea ferroviaria che lo collega al centro città mentre in Italia gli scali che godono di questo servizio siano in numero così limitato e le attivazioni siano state così difficoltose, travagliate e lunghe nel tempo...

Gli abbonati possono scaricare i seguenti file per continuare a leggere l'articolo:
123
1) File Dati Testuali Porti ed aeroporti
2) File Dati Tabellari Schede

Segnala ad un amico
Nome mittente
Email mittente (*)
Nome destinatario
Email destinatario(*)
Messaggio (max 250 car.)
Inviami una copia

I campi contrassegnati con asterisco sono obbligatori

I dati inseriti sono usati per il solo trattamento di invio
della mail e saranno conservati nei database a solo scopo
di monitoraggio e prevenzione degli abusi.

Ennio Morando
Indietro Torna al portale	Inizio

© 2004,2021 T-I-M-O-N-E.IT - Tutti i diritti riservati. 
© 2008,2021 Ricordi di Rotaie - Tutti i diritti riservati.