Gli articoli dei collaboratori
Articoli - 29/10/2019
STORIA DEI TRACCIATI FRA BOLOGNA E NAPOLI
di Ennio Morando
Può risultare istruttivo e curioso ripercorrere le vicissitudini che hanno portato alle innumerevoli varianti di tracciato sul principale asse ferroviario italiano Milano - Roma - Napoli, la cui ultima puntata deve forse ancora essere scritta.
Ad onor del vero il tratto che va da Milano a Bologna non ha dovuto subire fino ad oggi grossi traumi se si eccettua una breve estesa nell'ambito urbano milanese. La prima vera, effettiva variante, è stata quella che ha interessato direttrice AV, ovvero ciò che RdR chiama il Corridoio Dorsale. Per contro tra Bologna e Napoli possiamo ripercorrere una serie infinita di avventurose deviazioni realizzate con saldature, rettifiche, raccordi ed innesti per tutti i gusti. Esse dimostrano, una volta di più, come le prime costruzioni ferroviarie italiane risentissero di disfunzioni croniche in quanto non parte di un disegno unitario coordinato, ma viziate da interessi regionalistici di derivazione politica. Ciò dovuto semplicemente al frazionamento della superficie nazionale in tanti staterelli, spesso in competizione fra loro e quindi ben lontani dal prefigurare progetti ferroviari di largo respiro...

Gli abbonati possono scaricare i seguenti file per continuare a leggere l'articolo:
125
3) Schema Schema dei tracciati Firenze - Napoli
1) File Dati Testuali Bologna-Napoli, storia dei vari tracciati
2) File Dati Tabellari Coefficienti di tortuosita Firenze - Napoli
4) File Dati Tabellari Sintesi dei tracciati Firenze - Napoli

Segnala ad un amico
Nome mittente
Email mittente (*)
Nome destinatario
Email destinatario(*)
Messaggio (max 250 car.)
Inviami una copia

I campi contrassegnati con asterisco sono obbligatori

I dati inseriti sono usati per il solo trattamento di invio
della mail e saranno conservati nei database a solo scopo
di monitoraggio e prevenzione degli abusi.

Ennio Morando
Indietro Torna al portale	Inizio

© 2004,2021 T-I-M-O-N-E.IT - Tutti i diritti riservati. 
© 2008,2021 Ricordi di Rotaie - Tutti i diritti riservati.