Gli articoli dei collaboratori
Articoli - 06/04/2020
Un viaggio verso una stazione che non c'è più.
di Francesco Scalfati
Nell'oramai lontano 1998 mi recai a Roma Tuscolana per prendere il treno per Fiumicino Città. Il treno in arrivo da Roma Tiburtina è un convoglio detto "Fanta" per la sua allegra livrea giallo Colorado ed arancione composto da quattro elementi: un'elettromotrice ALe 801, due rimorchiate Le 108 e un'elettromotrice ALe 940. L'interno del convoglio non era in buone condizioni ma parecchi bambini che salivano a bordo esclamavano con meraviglia: "Che bello questo treno!" Una volta partiti, il treno nei pressi di Via Cilicia passa accanto a dei binari morti pieni motrici elettriche da manovra E.321/E.322 (ottenute dalla trasformazione delle locotender 835 e soprannominate, in base all'area geografica, Cane e Padrone o Battistino) accantonate. Oltrepassata Roma Ostiense...

Gli abbonati possono scaricare i seguenti file per continuare a leggere l'articolo:
146
1) File Dati Testuali Un viaggio verso una stazione che non c’è più

Segnala ad un amico
Nome mittente
Email mittente (*)
Nome destinatario
Email destinatario(*)
Messaggio (max 250 car.)
Inviami una copia

I campi contrassegnati con asterisco sono obbligatori

I dati inseriti sono usati per il solo trattamento di invio
della mail e saranno conservati nei database a solo scopo
di monitoraggio e prevenzione degli abusi.

Francesco Scalfati
Indietro Torna al portale	Inizio

© 2004,2021 T-I-M-O-N-E.IT - Tutti i diritti riservati. 
© 2008,2021 Ricordi di Rotaie - Tutti i diritti riservati.