Gli articoli dei collaboratori
Articoli - 08/04/2020
Quando era consigliabile non fotografare i treni
di Ettore Caliri
Chiunque abbia fatto il militare o abiti nelle vicinanze di una installazione militare avrà ben presenti i cartelli che vietano l'accesso, la sosta, le riprese fotografiche e, nei casi più delicati, risulta proibita anche l'effettuazione di rilievi e schizzi a mano della struttura.
E' chiaro che esigenze di sicurezza nazionale e norme antiterrorismo sono prioritarie ed indiscutibili, peccato che in cassetti, armadi e cassapanche di moltissime abitazioni giacciono abbandonate migliaia di fotografie di bambini e ragazzi che spuntano da torrette di carri armati ed autoblindo o che stanno a cavalcioni sulla volata di un cannone da 155 mm.; non si tratta degli interpreti della serie televisiva "Piccoli kamikaze crescono", erano semplicemente figli o nipoti di ufficiali e sottufficiali che sembrerebbe non fossero tenuti a rispettare le leggi valide "per gli altri"...

Gli abbonati possono scaricare i seguenti file per continuare a leggere l'articolo:
99
1) File Dati Testuali Quando era consigliabile non fotografare i treni (Testo)

2) Fotografia: Quando era consigliabile non fotografare i treni (Allegato)

Segnala ad un amico
Nome mittente
Email mittente (*)
Nome destinatario
Email destinatario(*)
Messaggio (max 250 car.)
Inviami una copia

I campi contrassegnati con asterisco sono obbligatori

I dati inseriti sono usati per il solo trattamento di invio
della mail e saranno conservati nei database a solo scopo
di monitoraggio e prevenzione degli abusi.

Ettore Caliri
Indietro Torna al portale	Inizio

© 2004,2021 T-I-M-O-N-E.IT - Tutti i diritti riservati. 
© 2008,2021 Ricordi di Rotaie - Tutti i diritti riservati.