testata
T-I-M-O-N-E.it
Home
Cosa è
Cosa fa
Requisiti
Road Map
Esempi
I pacchetti
Contatti
Area riservata

La newsletter

Se vuoi cancellare la tua iscrizione, clicca qui

DOCUMENTAZIONE
1.0 - La storia
2.0 - Gli automatismi
3.0 - Le figure operative
4.0 - Prerequisiti
5.0 - La struttura
6.0 - L'operatività
6.1 - I testi
6.2 - La miniatura
6.3 - Le fotografie
6.4 - Didascalie
6.5 - Ulteriori funzioni
7.0 - La pubblicazione
7.1 - Redattori
7.2 - Redattore capo
8.0 - Prossimi sviluppi
9.0 - FAQ
9.1 - Altre FAQ
RICERCHE
 




9.0 - FAQ

del 03/12/2005

Le domande e risposte presenti in questo capitolo non sono tutte inventate: la maggior parte derivano dalle richieste di approfondimento e spiegazione che il comitato di redazione mi ha rivolto durante la fase di avvio del prodotto. Ho cercato di riportarle ad una forma impersonale ma, per motivi di tempo, non credo di esserci completamente riuscito: me ne scuso con i lettori.

Mario De Prisco



Domanda: in caso si debbano fare delle modifiche all'impaginazione, cosa frequente in caso di articoli, può intervenire solo un "Tecnico" dello staff... Tutto ciò mi sembra un po' riduttivo...

Risposta: Questa era una vecchia limitazione del T-I-M-O-N-E cui ha dato risposta l'introduzione del "tool fotografico"



D.: sono disponibili localmente queste pagine? Sono realizzate in PHP o HTM? il 99% delle volte l'impaginazione di un articolo/news la faccio in locale, ovvero dal notebook magari mentre sono in auto piuttosto che in treno...
R.: Avere sul proprio PC una copia funzionante del T-I-M-O-N-E non è di alcuna utilità per l'inserimento di un nuovo pezzo. A parte le complicazioni di un travaso di dati parziali (p.es.una sola news) fra versione su PC e quella sul server, ricordo che la procedura attribuisce automaticamente i numeri ai vari pezzi: che succede se qualcuno ha nel frattempo occupato il numero che ti sei attribuito sul tuo PC?
E' così difficile pensare di scrivere un articolo usando un banale editor, senza dover preoccuparsi di tag HTML e quant'altro?
In generale il flusso di lavoro, indipendentemente dall'utilizzo di questa procedura, dovrebbe essere il seguente:

  • - si scelgono le fotografie, quando necessarie, rifilandole dove occorre;

  • - si prepara il testo del pezzo usando il primo programma che capita: notepad, wordpad, word, eudora, outlook, o quant'altro viene a tiro che non preveda l'uso di carta e penna e magari sia dotato di correttore ortografico;

  • - dalla prima foto si ricava la miniatura;

  • - ci si collega;

  • - si caricano i dati sul server.


  • D.: è possibile costruire una pagina in HTM e convertirla solo in un secondo momento con il T-I-M-O-N-E?
    R.: Non esiste, e non potrà mai essere prodotto, un convertitore automatico per l'alimentazione del T-I-M-O-N-E a partire da una pagina HTML. Questo fatto deriva dalla mancanza di standard che normalmente affligge i documenti di tipo HTML: la nuova procedura nasce proprio dalla necessità per sopperire al caos che lì regna sovrano.
    Chi è proprio attaccato alla produzione in proprio del codice HTML potrebbe costruirsi la pagina e poi, aprendo due finestre del browser l'una per visualizzare il proprio file e l'altra per il T-I-M-O-N-E, provvedere con dei semplici copia/incolla a popolare gli archivi. Ma che senso ha una simile attività? Masochismo?



    D.: voglio inserire più foto di dimensioni minori con un'unica didascalia, come faccio?


    R.: il T-I-M-O-N-E prevede di inserire una didascalia per ciascuna fotografia. E' però possibile indicare che si vuole generare un blocco di due o di quattro fotografie che saranno composte nello stesso box, eventualmente specificando se sono dello stesso autore o scattate nella stessa data per rendere più gradevole la composizione delle relative righe.



    D.: a proposito di ingrandimenti, seppur di rado, non sono mancati in passato casi in cui abbiamo messo dei disegni in anteprima in bassa risoluzione, con la possibilità di ingrandirli per vederli in dimensioni maggiori. Si può fare?
    R.: E' uno degli sviluppi in programma.

    D.: tabelle: è possibile inserirle, per aggiungere ad esempio delle schede tecniche (vedi ad es. FOL News nuovi Pendolino).
    R.: Per quanto sconsigliabile ai neofiti, è possibile inserire nei campi di testo tutto il codice HTML necessario.

    D.: insomma in poche parole, che limiti di flessibilità ha tutto questo nuovo sistema? Non sarà mica che per rendere più veloce l'impaginazione del tutto, perdiamo l'elasticità dell'HTM?
    R.: HTM non è elastico, è solo caotico. E soprattutto "ammorba" con centinaia di righe sempre le stesse che però stanno lì, devono stare lì, e se distrattamente viene cancellato qualcosa è molto difficile capire che sta succedendo. Spesso rimangono numerosi tag aperti e non chiusi o anche tag di chiusura mai aperti. O anche definizione di font reiterate uguali a se stesse solo perché c'è stato un ripensamento. Questi sono i DANNI tipici compiuti dagli strumenti di codifica automatica dell'HTML.
    Viceversa questa procedura consente le elasticità necessarie nel rispetto delle direttive redazionali. Si immagini il lavoro di revisione delle singole pagine per cambiare un piccolo dettaglio. Tanto per fare un esempio: cambiare in rosso (orrore!!) tutte le cornici delle fotografie di tutti i pezzi pubblicati costerebbe il modico tempo di soli 30 secondi, compreso upload del modulo.
    Ma poi elasticità non significa anarchia. Nel momento che si decide che occorre una libertà in più se ne discute e si applicano i correttivi necessari.

    D.: come vengono gestite le due pagine indice delle rubriche? L'elenco dei pezzi disponibili e gli altri elenchi dei pezzi non più disponibili, sono gestiti in automatico dal sistema???
    R.: Le pagine di indice delle rubriche presentano sempre tutte le notizie attive disponibili. Per le ultime tre, le più recenti, viene visualizzata anche la relativa miniatura.
    Non esiste invece un automatismo per cessare la disponibilità di un pezzo. E' però presente una funzione a disposizione del verificatore che consente di passare un pezzo dallo stato di "pubblicato" a quello di "era pubblicato". Questo passaggio fa si che il pezzo scompaia delle pagine di indice delle rubriche. Beninteso, sarebbe stato possibile creare un automatismo ma dovendo gestire anche la cancellazione delle foto dal sito si è preferito evitare di rendere automatica una operazione potenzialmente pericolosa. Inoltre occorre considerare che il criterio di cancellazione non è sempre facilmente definibile, o meglio se definito, potrebbe non essere facile rispettarlo.



    D.: Ho caricato un pezzo come prova, lo si può cancellare, così da procedere con la pubblicazione di altri lavori?
    R.:Il fatto che esista una "prova" o che sia stato caricato un pezzo che deve ancora attendere per la pubblicazione non impedisce in alcun modo di procedere con gli altri lavori. Chiunque abbia qualcosa da caricare può farlo in qualsiasi momento indipendentemente dagli altri e dalla sequenza effettiva di pubblicazione.

    D.: Dove trovare il bottone che permette di selezionare il file jpg da caricare come immagine?
    R.:Le fasi dettagliate per il carico di un pezzo sono le seguenti:

  • - inserimento parte iniziale con titoli ed autore;


  • - il programma risponde con una pagina con le eventuali segnalazioni degli errore da correggere e che comunque va confermata con il pulsante in basso;

  • - dopo la conferma il programma mostra il testo iniziale che ha appena caricato con alla base il pulsante per avviare il carico delle fotografie;

  • - cliccando sul pulsante si apre la pagina per il carico delle fotografie;

  • - nella pagina che si apre devi selezionare i file che contengono le foto cliccando sui pulsanti "sfoglia" (mi pare che si chiami così) per quante sono le foto da inserire e poi avviare l'upload cliccando sull'ultimo pulsante;

  • - il programma effettuerà il carico delle fotografie, le visualizzerà e mostrerà, in basso nella pagina, il pulsante per avviare il carico delle informazioni aggiuntive delle fotografie;

  • - cliccando su questo pulsante si apre la pagina con la lista delle fotografie per l'aggiunta delle parti testuali legate alla foto.



  • Notare che è un percorso obbligato, senza alternative. Per non sbagliare occorre prepararsi le foto prima di aprire il T-I-M-O-N-E A livello di testi è invece consentita l'effettuazione di tutti i rimaneggiamenti e le correzioni che dovessero necessitare.
    -
    -
    -


    D.: Quali abitudini farà perdere il nuovo T-I-M-O-N-E ?
    R.: Dare una risposta articolata a questa domanda è veramente difficile. Di certo non leggeremo più frasi del tipo:

  • Ho da scrivere un pezzo: assegnatemi un numero!

  • Qual'è il timone aggiornato?

  • Sembrava che il pezzo dovesse entrare in una rubrica ed invece devo ora inserirlo in un'altra: e ora come faccio? quanto lavoro!

  • Ho sbagliato la rubrica del mio pezzo ed ora non riesco a caricare le foto!

  • Sto scrivendo un articolo ma forse è meglio farne una news?

  • Sto revisionando il lavoro di un collaboratore esterno: che pizza, ma non potrebbero farlo loro in maniera guidata?

  • Sto scrivendo una news ma forse è meglio farne un articolo?

  • Ho iniziato a scrivere una news ma ne è subentrata un'altra più urgente! devo rifare tutto il lavoro?

  • Per l'ennesima volta ci hanno bloccato l'accesso FTP. Come faccio a pubblicare una news urgente che non ha bisogno di foto?

  • Non capisco niente di PHP e pure l' HTML mi infastidisce. Si può avere un timone più semplice?

  • Odio i programmi di codifica automatica dell'HTML ma non posso ritornare ad usare Notepad. Una soluzione?

  • Mi sono sbagliato con l'upload. E ora come si corregge?

  • Anche questa volta il timone è stato impiegato con molta fantasia: per realizzare il CD dovrò riscrivere il pezzo?

  • Ma che fine ha fatto quell'articolo già pronto da un pezzo? Dimenticati di pubblicarlo?

  • Ho dimenticato di aggiornare la data! e ora come faccio?

  • Chi pubblica questo pezzo?

  • Ma che razza di pezzo avete messo on-line??? E' la vecchia versione!

  • Possibile che sbagli sempre il font del giorno della data? (Per i nuovi collaboratori occorre specificare che trattasi di un difetto mostruoso, che addirittura impedisce la lettura del pezzo)

  • Ci siamo dimenticati di aggiornare l'indice generale?

  • Queste "perle" non sono frutto della mia fantasia ma nascono da una ricerca attenta all'interno dei dialoghi via e-mail fra i componenti storici della redazione di un noto sito di news specialistiche.

    D.: Perchè avete scelto un nome così strano per questo insieme di programmi?
    R.: Bella domanda.
    Lo staff di redazione di un noto sito di news specialistiche, al quale tuttora partecipo, da diverso tempo usava come base per i propri lavori un file di testo che veniva chiamato confidenzialmente "timone" proprio per la funzione di guida nella realizzazione dei pezzi.
    Visto che negli anni lo staff si era affezionato a questo termine non è stato difficile trasformarlo in un acronimo che, pur legandolo al passato, ne facesse intendere le rivoluzionarie novità.
    Ecco perchè il "timone" è diventato "T-I-M-O-N-E"
    Non vi convince l'esplicazione "Trattamenti Informatici Modulari Organizzazione News Editoriali"? Proponetene un'altra! Potrebbe essere adottata in futuro! O magari potrebbe servire per farci tutti una bella risata. Di certo non è previsto alcun concorso a premi!




    Pagina aggiornata con la release 4.3.0



    2910

    © 2004,2008 T-I-M-O-N-E.IT - Tutti i diritti riservati. 
    Ing. Mario De Prisco - Rende - P.I. 00992050781